Amore et SimiliaIl Mio QuartiereImmaginiGroovyFiorigroovinstagramCasa Groovy CasaCasaFacileIKEATIGERCrochetGróóviolaGróóvyna
AmarcordPink WorldModaGroovy ChefVerdeRosaMio FratelloFamigliaGroovy ConvivenzaIstruzioneMusicaSerateSaggezza di Groovy
TV e Cartoni AnimatiRicorrenzeFacebookLe Interviste di GroovyMorganRassegna StampaStorie di una G.O.C.CeTestGrooVarieGroovy foto su FlickrPuffiHOME
Clicca sui Groovy Tasti per navigare tra le categorie!

sabato 26 novembre 2005

Tutto accadde un Groovy Venerdì
In realtà venerdì non è accaduto nulla di eclatante,
mi piaceva lidea di citare uno dei miei Walt Disneys film
preferiti di quando ero ulteriormente più giovane.
opo aver incontrato da McDonalds una ragazzza che aveva acquistato dei Puffi da me su ebay.
Dopo aver comprato delle buste imbottite per spedire, un po in tutta Europa, altri Puffi venduti.
Dopo aver fatto una fila infruttuosa alla Posta
-a causa dello sciopero si accettavano solo raccomandate e non lettere spedite a mezzo posta prioritaria-
Sotto il diluvio torrenziale
-sono quasi convinta di aver visto in lontananza larca di Noè
e questa volta cerano anche i due leocorni-
ho raggiunto con mamma casa di nonna.
Lei ci attendeva con già pronto un ricco aperitivo
a base di Bitter Bianco e mandorla pralinate.
-una nonna Glamour come poche-



tra un sorso e uno sgranocchio
ho fatto ascoltare alla cara nonna
la fantastica canzone dedicatami da Pieceight!
Nonna ne è rimasta entusiasta
e, da brava donna classe 22,
ha commentato che il giovane doveva essere follemente innamorato di me
per avermi scritto addirittura una canzone.
Ho smorzato i toni da fotoromanzo
spiegandole che la canzone gli era stata commissionata da me,
ma nonna è rimasta salda sulle sue idee.

Di lì a poco sono arrivate mia zia e mia cugina,
la mia adorata cugina Lù,
che doveva prepararsi per una festa di 18anni.
Sono scesa con lei per vedere il vestito
e per scattarmi qualche foto con Dobby,
il suo buffo carlino.

Agghindata da festa di 18anni era splendida.
Un vestito semplice, ma delizioso
corto, scollato, senza spalline,
dritto a vita bassa, con allaltezza dei fianchi tre balze.
Elegante e spiritoso al tempo stesso.
Scarpe col tacco nere e calze nere velate
facevano il resto.
Capelli lisciati dalle abili mani del nostro giovane parrucchiere.
E trucco sugli occhi, da me realizzato,
che le regalava qualche anno di più,
che la faceva sentire diversa.

Adorabile la sua espressione,
a metà tra lo stupito ed il perplesso
mentre si rimirava nello specchio;
sapeva di essere lei, eppure vedeva riflessa limmagine di sua mamma.
Il trucco aveva evidenziato quei tratti che ha in comune con  mia zia.

Truccarla è stata una gioia immensa,
oltre che una grossa responsabilità
perchè avevo paura di esagerare.

E per la prima volta -credo-,
mi sono sentita adulta allinterno della mia famiglia;
mi sono sentita dallaltra parte della barricata,
non più meritevole di sedersi al tavolo dei "piccoli" a Natale!

E, assistendo alla preparazione di Lù,
ho capito cosa significhi gioire di riflesso.
Pensavo potesse essere una gioia a metà
ho invece scoperto che è estremamente appagante.
<!--



-->

16 commenti:

  1. Elisa, allora quando mi porti a conoscere la nonna?
    Però, cara, ci fidanziamo solo a patto che , a Natale, ci sediamo al tavolo dei piccoli. Ok?
    Piece l'innamorato :D

    RispondiElimina
  2. Effettivamente se nel 1939 uno componeva e incideva una canzone per una ragazza voleva dire più o meno che già erano sposati da un pezzo.

    Desdott agn! Auguroni alla padrona del simpaticissimo Dobby....

    .....ah! allora c'era anche il commissario alla cerimonia. Eh sì, ormai il suo lavoro è finito.

    E del leggendario trucco leggero di zia Groovy?? Ne vogliamo parlare?

    Ho saputo che il commissario ha pensato di far blindare la zona, eccheccavolo, adesso chiudeva questo ciclo lavorativo di successo per colpa d'una gruvetta mano che pitta l'impossibile;))

    RispondiElimina
  3. Sìsì Pezzò....fatevi fare una bella "tavulella aspartaaaaaata"

    ;)))

    RispondiElimina
  4. Hahahahaha. Ma sai la cosa che mi piace troppo? E' che la nonna mi abbia definito "giovane". E' una parola che mi fa morire :)

    RispondiElimina
  5. .....;)))

    GGIòvane, frizzante, come il bitter bianco...

    RispondiElimina
  6. ah ah ah
    il leggendario trucco leggero della groovy...
    ah ah ah

    lo sapevo!!!

    comunque la festa non era della Lù, lei non ha neanche 17 anni!

    occhio bistrato di nero e blu... bitching effect assicurato (solo per Rub)
    dai, il trucco pesante è ben altro

    tipo ombretto nero sulle palpebre e strisciata lilla (cioè come mi truccavo nel 2001 -__-)

    RispondiElimina
  7. Bella giornata :)
    Sono contento per te e per queste sensazioni di gioia appagante che hai ricevuto da questa pienissima giornata

    Bacioni e buon weekend ^^

    RispondiElimina
  8. groovy è la meglio..!! ormai sono famosa anche nel suo blog :)
    TVB cuginetta

    RispondiElimina
  9. Siete riuscite a levare via il trucco poi?!
    :))

    RispondiElimina
  10. sì, ho comprato la trementina!

    ;)

    RispondiElimina
  11. Trementina "groovy edition"

    per 'femmene pittate'

    RispondiElimina
  12. granbellafoto !

    un bacione e tanti

    bacizap

    RispondiElimina
  13. Agh! Meno male che non ho cugine piccole!

    Però, purtroppo, non essendoci piccoli tra i cugini, non c'è neanche più il tavolo dei piccoli a Natale...

    Ciao Mia Deadelledee :-*

    RispondiElimina
  14. Come sta la mia nonnina preferita? :D
    Me la saluti tanto? :D

    RispondiElimina
  15. Ivlai, è inutile che ti ingelosisci...
    cantante, chitarrista e non mi hai mai dedicato una canzone
    Vergogna!

    RispondiElimina