Amore et SimiliaIl Mio QuartiereImmaginiGroovyFiorigroovinstagramCasa Groovy CasaCasaFacileIKEATIGERCrochetGróóviolaGróóvyna
AmarcordPink WorldModaGroovy ChefVerdeRosaMio FratelloFamigliaGroovy ConvivenzaIstruzioneMusicaSerateSaggezza di Groovy
TV e Cartoni AnimatiRicorrenzeFacebookLe Interviste di GroovyMorganRassegna StampaStorie di una G.O.C.CeTestGrooVarieGroovy foto su FlickrPuffiHOME
Clicca sui Groovy Tasti per navigare tra le categorie!

lunedì 28 febbraio 2005

Domenica è sempre domenica?

una groovy vestita da casa
una groovy uscita dalla vasca
una groovy coi capelli lavati
eppure,
eppure cè qualcosa di diverso...
ma cosa???

Questa domenica Groovy non ha avuto il tempo!
non ho avuto il tempo
di mettersi i capelli in piega con spazzola e phon,
non ha avuto il tempo di montare limpalcatura di bigodini
per arricciolare le punte



Per questa settimana
Groovy andrà in giro in versione
Jungle













Potrei essere scritturata come controfigura di  Joey Tempest!





<!--



-->

sabato 26 febbraio 2005

 Ebbene sì!
Sono stata smascherata
Sono amica de o Manager

Anche le persone "praticamente perfette"
hanno qualche scheletro nell armadio!


In onore a o Manager
posto l immagine del suo
giradischi preferito
Ho dovuto pasticciare coi colori
perchè non stonasse

ah ah ah



Un post indubbiamente per gli addetti ai lavori!
Se niente ti è chiaro
vai a visitare il sito di questa band
ne vale la pena
lo pensano anche Tony Borlotti e i suoi flauers

<!--



-->

giovedì 24 febbraio 2005

Chi ci pensa
ai poveri NON fumatori???
chi ci compatisce???

Sirchia non sa cosa significa rimanere pressocchè soli
dentro un locale mentre gli altri se la spassano fuori a fumare

Mi sono rotta di consumare il mio drink in un pub deserto...

sai che ti dico??? abbasso sirchia
viva il fumo passivo in compagnia
abbasso laria salubre da soli!!!
 
<!--



-->

martedì 22 febbraio 2005

Oops, Groovy did it again!
Non mi vergogno più di niente

Oggi ero alla posta
a sbrigare un certo numero di incombenze.
Ero alla prese con gli scontrini dell "eliminacoda",
raccomandate e conto correnti vari,
quando vedo il padre di quello che è stato uno dei tanti
amori adolescenziali non corrisposti!
Un mio compagno di liceo.
Tutto ad un tratto, non so come,
non so che meccanismo si è azionato nel mio cervello,
mi ricordo che è il suo compleanno!
Senza pensarci neanche due volte
vado decisa e diritta dal signore
"Scusi, lei è il papà di M.?"
"Sì!" Mi risponde un po stupito
"Sa, lho vista, riconosciuta e mi sono ricordata che oggi è il compleanno di suo figlio!
Può mandargli i miei auguri?"
"Ma certo signorina, aspetti che me lo appunto sull agenda!
Ho paura di scordarmene!"

Apre lagenda voluminosa, mi chiede nome e cognome
e annota il tutto
Lo ringrazio e faccio per accomiatarmi, quando lui
decide di crivellarmi di domande

"Quindi eri compagna di classe di mio figlio??"
"no, solo di scuola: sono un anno più piccola"
"Cosa fai nella vita?"
"Studio statistica"
"Andrai a fare una bella professione,
sai un compagno delle elementari di mio figlio
si è laureato in statistica e ora gira tutto il mondo,
è single e se la gode!
E tu??? tu sei single???"
"Sì anche io, sono single e me la godo"
(dentro me penso che è colpa di suo figlio se sono single... ah ah ah
io ci provai in tutti i modi, ma proprio non gli piacevo!)
"Brava brava!!!"
"Grazie! ora vado, è quasi arrivato il mio turno allo sportello!"
"Vai cara e ancora complimenti per la memoria!"

Ma quanto piaccio ai genitori???
Il fatto è che piaccio solo a loro!

Chissà  cosa avrà pensato il povero padre di M.
chissà come avranno commentato stasera a casa
"Sono stato avvicinato da una povera pazza, che a distanza di 9 anni
si è ricordata del tuo compleanno!"

Sono queste le circostanze in cui vorrei essere una mosca e godermi
le scene appollaiata su un lampadario!
 
<!--



-->

domenica 20 febbraio 2005

giovedì 17 febbraio 2005

Oggi compie gli anni A.
A. è un ragazzo che conobbi a Londra
circa 14 anni fa

Credo che pendesse un po per me
a me non piaceva, ma ne ero lusingata
avevo 14 anni e pensavo di non poter piacere a nessuno.
A. aveva 17 anni e mezzo
(all epoca i mezzi anni valevano molto)
faceva pallanuoto
aveva un bel fisico
un viso normale
però mi dava l idea d essere sfigato
boh....
e poi a stare con lui non mi divertivo
preferivo la compagnia di altri ragazzini più piccoli!

Tornati a Roma ci incontrammo alla festa di una mia amica
con cui litigai proprio perchè lo aveva invitato.
Lui non conosceva pressocchè nessuno
e mi girò attorno  tutto il pomeriggio
(all epoca le feste iniziavano alle 1600 e finivano alle 2100 massimo)

Ricordo che, galante e quasi 18enne, le regalò un mazzo di fiori ed un cd
cd che all epoca mi faceva schifo!
Ricordo che fu suonato per educazione.
Ricordo che urlai per far togliere quella "nenia"
(non sapendo che era il suo regalo)
Ricordo che lui si rabbuiò per questa mia richiesta!
Ricordo che mi vergognai.

Da quel giorno non lo vidi più.
Passarono gli anni
Mi iscrissi all università
ero in un prato de la Sapienza
-ettecredo che mi devo ancora laureare!!!-
quando A. passò.
Lo chiamai, lo rincorsi
neanche  fosse stato il più grande amore della mia vita.
Mi riconobbe subito
Scambiammo quattro chiacchiere.

Da quel giorno l  ho incontrato altre 5-6 volte
L ultima l anno scorso in un locale.

Il mio giudizio non cambia
Non mi piaceva quando avevo 14 anni
e non mi è mai piaciuto

Però ascolto ancora il cd che regalò alla mia amica
e che, non so perchè, mi feci doppiare;
un cd che, all epoca, ero troppo piccola per apprezzare

E ogni 17 febbraio penso a lui
ogni 17 febbraio mi ritorna in mente
ogni 17 febbraio penso che è il suo compleanno

chissà se se lo immagina...



 
<!--



-->

martedì 15 febbraio 2005

Incorregibile KIKI 2

Quando ero piccola le bambine sognavano di diventare ballerina, dottoressa, hostess.
I bambini, pilota, austronauta, calciatore.
Più o meno tutti
tranne MIKI
il mio imprevedibile fratellino voleva fare il BENZINAIO!

Inoltre, un giorno in cui evidentemente era molto giù, stressato, demotivato e demoralizzato mi confidò di voler essere
UN PENNARELLO
perchè sta lì, nell astuccio o sul tavolo e non fa nulla 
<!--



-->

domenica 13 febbraio 2005

Raffreddata,
molto raffreddata
Infreddolita,
molto infreddolita
Impigiamata,
Molto impigiamata
Naso colante,
Molto colante
Cartigienica  a rotoli,
molti rotoli.
Così si presentava la Groovy  ieri
circa alle 1930

Ero in cucina,
sdraiata sul divanetto,
più che sdraiata incastrata,
nel divanetto di ferro di cucina

Occhi lucidi, imbambolati,
rivolti verso la televisione,
canale regionale
si vede a "grani"
immagini distorte
rumori in sottofondo
ma fa nulla
in TV non cè nulla
e poi non sto proprio seguendo!

Trasmettono Ranma
Non l ho mai visto
so solo che con l acqua i personaggi cambiano;
ricordo che un tipo diventa tipa
un signore, panda...
boh...
Voglio proprio vedere cosa ci trovano di bello
i seguaci di questo cartone!
E poi Matteo diceva che gli ricordavo un personaggio:
una scassapalle tutta innamorata  dei protagonista (credo)
Non l ho individuata neanche ieri...

Comunque
mentre incastrata  nel divanetto di ferro di cucina
fissavo la tv
con aria demente
occhi lucidi
pijama
cra-cra,
-spettacolo pietoso-
entra mamma e mi fa
vediamo un po...
io alla tua età
ero laureata
sposata
e tu avevi...
-rapido calcolo aiutandosi con le dita della mano sinistra-
sì, tu avevi 5 mesi

che batosta...
ah ah ah

<!--



-->

venerdì 11 febbraio 2005

 Amori Impossibili

quando ero in V ginnasio,
studiando storia,
mi innamorai di Elagabalo
Lo vidi in questa rappresentazione

e persi la testa





Mi piacevano le basette lunghe e ricce

<!--



-->

giovedì 10 febbraio 2005

Ho trovato l uomo ideale

Ok sì non parla la mia lingua
abita lontano
però....
su una cosa ci intendiamo benissimo
Vuoi sapere su cosa??
clicca qui

Gli sono devota e per ringraziarlo gli faccio un po di pubblicità
postando lurl del suo blog!
http://jy.typepad.com

<!--



-->

sabato 5 febbraio 2005

Incorregibile KIKI

Alle elementari ai piedi di ogni dettato, tema, pensierino, copiato
la maestra faceva fare un disegno collegato a quanto scritto.
Un giorno Miki tornò a casa.
La maestra aveva dettato alla classe
Il Cantico delle Creature di San Francesco.
In basso Miki aveva realizzato una personalissima rappresentazione della vicenda.
San Francesco sulla sinistra
a destra il lupo che, ritto su due zampe, con salopette jeans e pistola, minaccia il santo.
San Francesco però, amante della natura, non lo teme!

Pulp, molto pulp!
Mio fratello era avanti!
 
<!--



-->

giovedì 3 febbraio 2005

Il Festival del Corto indetto da mia zio

Recentemente Canale5 ha trasmesso una ventina di cortometraggi uno dopo l'altro
e mio zio li ha registrati.
Fin qui nulla di male, anzi!
Ho una venerazione per i corti, non me ne perdo neanche uno e averne un'antologia su DVD mi fa molto piacere.
Ma mio zio, unitamente al DVD, ci ha portato delle schede fatte da lui al computer.
Le schede riportano su una colonna i titoli dei corti e sull'altra delle caselle da riempire.
Il nostro compito (di mio fratello, dei miei genitori e mio) sarà
guardare i corti, assegnare a ciascuno un voto,
compilare le schede e scegliere poi i 5 migliori.
Stesso compito hanno mio cugino, la sua ragazza e naturalmente mio zio.
Ad aprile andremo a Capri,
ci sarà lo spoglio ufficiale dei voti e verrà eletto il corto più bello.

Alla fin fine l'idea è carina e divertente.
Il compito piacevole e per nulla gravoso...
se non fosse per papà!

Papà ci ha fatto vedere i corti uno dopo l'altro
impedendoci di rispondere al telefono, fare pipì,
impedendo ogni sorta di distrazione!

Mia madre, sovversiva, guarda i film ma non mette i voti
sostiene di avere in testa i 5 corti preferiti e non ha bisogno della scheda.
Mio fratello mette i voti in asterischi da 1 a 4 (come nel suo blog)
Io mi limito a cancellare i titoli dei film che non mi sono piaciuti.
Papà...
Papà è tutto un programma
accanto ad ogni titolo mette nazionalità, durata, voto da 1 a 10 alla idea, alla regia, alla fotografia.
Poi calcola le medie, favorendo i film di nazionalità europea e che non superino i 10 minuti.

Credo che papà prenda sempre tutto troppo sul serio!

martedì 1 febbraio 2005

Il Rigido Cerimoniale Dei Giornaletti Della Televisione

Mio padre ha degli incarichi ben precisi
che assolve con rigore maniacale
si occupa della raccolta differenziata,
acquista carne, salumi e latticini
e compra il giornaletto della televisione.
Comprare il giornaletto della televisione
(così chiamiamo la guida ai programmi TV)
sembra cosa da poco,
ma a casa mia c'è un rituale da rispettare
rituale che, settimana dopo settimana, diventa sempre più rigido.
Una vera e propria etichetta.
Cominciamo col dire che non se ne acquista uno solo:
papà compra
Telesette perché ha una grafica che gli è più congeniale
La Guida TV perché inserisce i numeri per le registrazioni programmate
Film TV, il preferito di kiki, perché evidenzia i film.
Il rigido rituale dei giornaletti della TV prevede che vengano acquistati con una settimana di anticipo
in genere si acquistano il lunedì mattina quelli che andranno in vigore dalla domenica successiva.
Dopo averli comprati papà li nasconde poiché sostiene che io e mamma li facciamo sparire!
I giornaletti comprati il lunedì vengono "messi in circolo" la domenica mattina con una solenne cerimonia ufficiale.
La guida TV e film TV sono assegnati al salone e guai a chi li sposta
Telesette alla cucina e guai se scompare.

Questa settimana però, papà ha acquistato anche TV sorrisi e canzoni
perché dava in regalo un cd
Stamattina papà lo ha preso, lo ha mostrato a me e a mamma e ci ha spiegato che con quello potremo fare qualsiasi cosa, anche portarlo in una stanza qualsiasi...
che dire???
Grazie papà!

Peccato che poi questi giornaletti non li usiamo come dovremmo.
Per sapere cosa c'è in televisione guardiamo sempre sul televideo!